Exit Humanity

Exit-Humanity-2011-SubITA-Streaming

A young man’s struggle to survive in the aftermath of a deadly undead outbreak during the American Civil War.

Regia:

John Geddes

Attori:

Brian CoxMark GibsonDee Wallace

Anno: 2011
Premetto due cose: il film non ha attualmente distribuzione italiana, quindi per vederlo dovete cercare in rete; la seconda premessa riguarda questa recensione, non ero intenzionato a farla, mi sono fatto venire la voglia dopo alcuni giorni di riflessione e più per dovere che per piacere.
photo-Exit-Humanity-2011-6
Exit Humanity è una produzione canadese low-budget ben realizzata sotto il punto di vista degli effetti visivi.
Parliamo della trama: siamo alla fine della guerra di secessione americana, sembra che un virus abbia riportato in vita i morti, il protagonista tornando a casa scopre la sua famiglia contagiata e quindi dopo averli “curati” decide di portare le ceneri di suo figlio in un luogo lontano, durante il tragitto incontra un altro soldato che gli chiede di salvare salvare sua sorella, diventano degli stermina zombie e alla fine trovano la sorella rapita da ex soldati comandati da un pazzo fanatico che fa esperimenti per trovare la cura a questa epidemia, solo dopo si scoprirà cosa l’ha scatenata.
exithumanity121211
Tornando al discorso degli effetti visivi, il film offre degli zombie credibili e ben fatti (a livello di the walking dead) in versione lenta (niente maratone per i morti viventi) , oltre ciò il buono del film si esaurisce qui,
il resto del film (e vi giuro è pesante anche parlarne), è un lungometraggio di 114 minuti che sembrano 180, di una lentezza esasperante.
Per i primi 50 minuti tra flashback e introspezione del protagonista ci si ritrova a guardare il tipo a terra che riflette per decine di minuti o peggio ancora dialoghi allungati all’inverosimile, capisco che questo è utile se si lavora con pochi soldi, ma si potevano trovare anche soluzioni migliori che rendere lo spettatore uno zombie, la tentazione di fuggire è cosi forte che viene voglia di vedere il film a doppia velocità per cercare di non addormentarsi.
Altra trovata che lo rende più simile a un videogioco sono gli intermezzi tra una scena e l’altra fatti con disegni e animazioni, in ultimo proprio usando questa trovata c’è la spiegazione su come siano nati gli zombie dalle origini a oggi (wow).
kickass-zombie-fighting-old-school
Insomma il regista (e sceneggiatore) era partito con un idea davvero buona e molto innovativa, ma quel voler fare introspezione (non sei Romero!!!) e quelle scelte stilistiche rendono il prodotto indigeribile, visivamente ben fatto ma il resto è da buttar via.
Io cerco di non scrivere recensioni troppo negative ma alle volte è davvero impossibile, due ore di vita buttate: da dimenticare.
Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...