The Killer

The_Killer_John_Woo

John Chow, è un killer solitario, si prepara ad affrontare l’ultima missione prima di ritirarsi. Avendo però ferito accidentalmente agli occhi una cantante durante una strage nel nightclub, l’uomo vorrebbe pagarle la costosa operazione che potrebbe ridarle la vista. Sulle tracce di Chow intanto vi è l’ispettore Li, poliziotto testardo e determinato.

Mano a mano che Li seguirà le orme del killer, ne ricostruirà i gesti, ne immaginerà il profilo finendo per subirne il fascino. Una volta incontrati, i due daranno vita ad un’amicizia impossibile, al di là dei loro ruoli, che culminerà col sacrificio di entrambi.

GENERE: Poliziesco
REGIA: John Woo
SCENEGGIATURA: John Woo
ATTORI:
Chow Yun-Fat, Danny Lee (II), Sally Yeh, Chu Kong, Barry Wong, Fui-On Shing,Kenneth Tsang, Wing Cho Ip, Fan Wei Yee

Diversi anni fa, prima che Woo diventasse famoso a Hollywood e venisse scoperto anche in Italia dal grande pubblico, Rai3 trasmetteva di notte i suoi film del periodo cinese , tra l’altro i migliori , di solito interpretati con il suo attore-feticcio Chow Yun-Fat. Fu proprio in quel periodo che scoprì il romanticismo di una sparatoria in slow motion.

killer

Costruendo delle trame molto semplici e basata su argomenti come amicizia e onore Woo aveva la capacità con pochi mezzi di creare dei prodotti affascinanti anche se non innovativi. Questo The Killer ricorda in modo impressionante il Frank Costello con Delon , anche qui il Killer ha un suo codice morale ferreo, veste con molto cura e ha un senso della responsabilità assoluta verso la sua vittima involontaria, interpretata da una giovane e bella Selly Yeh , che possiede tra l’altro una bellissima voce.

thekiller1

I film di Woo (prima maniera) sono di solito film al maschile senza alcuna presenza femminile principale, spesso viene accennato una possibile componente omosessuale, in realtà è una visione eccessivamente freudiana ed occidentale della trama, in realtà come tantissimi esempi di cinema orientale, il senso dell’onore e del sacrificio crea un cameratismo che non ha nulla a che vedere con la sessualità.

EA [The Killer]

Personalmente tra i film di Woo del periodo cinese , The Killer non è il mio preferito, pur riconoscendo le splendide immagini e il sapiente uso della cinepresa, di scene da antologia ce ne sono tante, poi diventate il suo stile e spesso imitate da altri registi;  da storia del cinema rimane il finale in chiesa che porta una conclusione poco occidentale (e senza lieto fine) del film.

Capolavoro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...