Il grande Jake

big_jake_belgian

 

Una banda di razziatori, dopo aver assalito la fattoria dei MacCandles, rapisce il piccolo Jacob e chiede alla famiglia un riscatto di un milione di dollari. Marta MacCandles, nonna di Jacob, comprendendo che il ragazzo verrà ucciso in ogni caso, si decide a ricorrere al marito Jake, dal quale vive separata da quindici anni. Jake, uomo astuto, privo di scrupoli e ancora dotato, a dispetto dell’età avanzata, di un’invidiabile vigoria fisica, finge di aderire alle richieste dei banditi: accompagnato dai due figli e da un vecchio indiano, giunge nel covo dei malviventi.
GENERE: Western
REGIA: George Sherman
SCENEGGIATURA: Rita M. Fink, Harry Julian Fink
ATTORI:
John Wayne, Richard Boone, Patrick Wayne, Christopher Mitchum, Bruce Cabot, Bobby Vinton, Maureen O’Hara, Glenn Corbett, John Doucette, Jim Davis, Ethan Wayne, Harry Carey Jr., John Agar

Vedendo questo film con un crepuscolare Wayne  non si può non provare una certa tenerezza, qui Wayne interpreta se stesso con tanto di ironia e autoironia (cosa rara nei western)  con persino una scena sotto la doccia! Per certi versi questo film potrebbe essere il seguito di McLintock , abbiamo ancora una volta la coppia Wayne – O’Hara (anche se per un piccolo ruolo) non mancano le battute e le situazioni paradossali, c’è una certa dose di violenza sopratutto nella scena iniziale, veramente sanguinaria per un film con Wayne tanto da ricordare i western di Peckinpah.

big jake 1971

 

Si aggiungono due figli d’arte, Patrick Wayne (figlio di John) e Christopher Mitchum (figlio di Robert), più una serie di caratteristi nei ruoli dei cattivi , cattivi veramente sanguinari tra cui uno che non disdegna di usare il machete (con un finale da amaro in bocca) per affrontare le sue vittime.

Un film a toni alterni, da una parte il mito Wayne e l’ironia della frontiera, dall’altra il senso del tempo che passa (siamo nel ’71) che si potrebbe sintetizzare in questo dialogo,che avviene tra Jake e suo figlio Mike quando Jake chiede a Mike di sparare a un cervo che si trova a quasi 500 metri di distanza:

– Io non ammazzo per dimostrare che sono bravo!

– Mike si ammazza per due ragioni per difendersi o per mangiare.. ci serve un po di carne.

4407_5

Questo dimostra come ci sia stato un cambio generazionale, ora uno dei figli di Jake gira in auto e in moto e spara con un fucile di precisione e l’altro figlio ha una pistola a 8 colpi con caricatore. Insomma si respira una certa malinconia, un bel film sotto tanti punti di vista  con un finale un po approssimativo e una generosa dose di violenza, da riscoprire.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...