Jimmy Bobo (Bullet to the head – 2013)

BULLET-TO-THE-HEAD-Poster-02

 

Un sicario di New Orleans (Jimmy Bobo) che non conosce le buone maniere e che medita vendetta contro Keegan, un mercenario senza scrupoli che prova a ‘liquidarlo’ dopo avergli commissionato un omicidio. Lo aiuterà Taylor Kwon, un detective di Washington D.C. col vizio del BlackBerry e della navigazione virtuale, a cui salva la vita. Jimmy e Taylor metteranno le mani su documenti scottanti e su un politico corrotto, che vorrebbe cambiare faccia alla città e poi lucrare sull’edilizia.
GENERE: Azione, Poliziesco, Thriller
REGIA: Walter Hill
SCENEGGIATURA: Alessandro Camon, Walter Hill
ATTORI:
Sylvester Stallone, Jason Momoa, Sarah Shahi, Christian Slater, Adewale Akinnuoye-Agbaje, Sung Kang,Jon Seda, Holt McCallany, Marcus Lyle Brown, Weronika Rosati

Sembra che il 2013 stia riportando al cinema vecchie glorie degli anni 80 e non mi riferisco a Sly dato che lui non era mai andato via, mi riferisco a Walter Hill che dopo ben 7 anni torna a dirigere un film che ricorda molto, come trama , 48 Ore.  Jimmy Bobo è tratto da un fumetto francese “Du plomb dans la tête”  , l’ambientazione è il sud degli Stati Uniti, siamo a New Orleans tipico luogo di confine tra luce e ombra, qui si aggira Jimmy Bobo killer navigato, ben conosciuto dalle forze dell’ordine, dopo l’assassinio del suo complice cerca di capire chi lo voleva morto, alla sua ricerca si aggrega un detective di origine coreana, Taylor Kwon, che cercherà di limitare la furia distruttiva di Bobo.

bullet-to-the-head

Il film si basa sui classici opposti, da una parte Bobo anziano e anacronistico (niente tecnologia e battute a sfondo razzista) ,che preferisce sparare piuttosto che interrogare, dall’altra Kwon grazie alla tecnologia riesce a scoprire diverse cose sul caso e su Bobo, ma non si scorda di essere un poliziotto cosi come Bobo non si scorda di essere un killer. A questa situazione si aggiunge la figlia di Bobo che viene presa di mira dai tipi che vogliono eliminarlo. Divertente film on the road vecchio scuola, ricorda le collaudate coppie di opposti tanto presenti nella filmografia degli anni 80, divertente la carrellata della fedina penale di Bobo dove compare uno Stallone d’annata, con foto prelevate dai suoi precedenti film.

?????????????????????????????????????

Questo film mi ha fatto uno strano effetto, per un momento mi sembrava di essere tornato indietro di oltre 30 anni, il film poteva benissimo essere datato ’85 e questo non è un difetto se piace il genere, Stallone ha resistito (anche fisicamente) agli anni che sono passati (merito anche di una chirurgia estetica pesante) e anche se ancor meno espressivo del solito, risulta simpatico e piacevole. Più credibile di Last stand è un bel ritorno per Hill e qui l’effetto nostalgia è totalmente assente, non male davvero il vecchio leone riesce a ruggire ancora.

Annunci

2 thoughts on “Jimmy Bobo (Bullet to the head – 2013)

  1. Jimmy Bobo é piaciuto moltissimo anche a me. Ha tutto ciò che un film d’ azione dovrebbe avere: sparatorie, esplosioni, corse folli in macchina, cazzotti, porte sfondate… e alla fine, dopo un’ ora e mezzo in cui tutte queste delizie si succedono una dietro l’ altra senza un minuto di pausa, la ciliegina sulla torta: la resa dei conti finale nell’ edificio dismesso. E’ la classica scena conclusiva dei film d’ azione, l’ ho già vista decine di volte, eppure la sua scarsa originalità non mi ha dato fastidio. Al contrario, quando ho visto Stallone entrare in quella catapecchia mi si é allargato il cuore, é stato come quando passi davanti al tuo vecchio liceo e ti tornano in mente tutti i momenti che ci hai vissuto.
    L’ unico dettaglio di Jimmy Bobo che non mi é piaciuto é la spalla di Stallone: quel ruolo di norma é ricoperto da attori di grande carisma come Arnold o Jason Stratham, mentre invece per questo film hanno scelto un tizio davvero insulso.
    L’ ideale sarebbe stato uno come Ben Affleck, che tra l’ altro ha già recitato in un ruolo simile: era la spalla di Bruce Willis in Armageddon.
    Con il tempo Ben Affleck ha fatto il salto da comprimario a protagonista, e adesso é lui che può contare su degli ottimi attori che gli fanno da spalla (Jeremy Renner in The Town, John Goodman e Alan Arkin in Argo e così via).

    • Ma questi sono i classici film per nostalgici, visti con l’occhio giusto sono molto piacevoli, ovvio che le nuove generazioni si annoierebbero a morte, è preferibile Transformers o Avengers a questo. E’ la vecchia scuola del cinema d’azione che si sta un po riciclando sia come attori che come idee.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...