The Leftovers – I stagione (2014)

1

Quando il 2% della popolazione mondiale scompare improvvisamente, senza spiegazioni, il mondo fatica a fare i conti con ciò che è successo. Tre anni più tardi, Kevin Garvey, padre di due figli e capo della polizia in una piccola città nei sobborghi di New York, cerca di mantenere una parvenza di normalità mentre il mondo intorno a lui, e in particolare la comunità di Mapleton, è fuori controllo. Come se non avesse abbastanza problemi da affrontare, Garvey deve anche venire a capo dei problemi della sua famiglia, nessuno dei cui membri è rimasto coinvolto nel misterioso “rapimento”.

  • IDEATORE: Damon Lindelof, Tom Perrotta
  • ATTORI: Justin Theroux, Amy Brenneman, Christopher Eccleston, Liv Tyler, Chris Zylka, Margaret Qualley,Carrie Coon, Emily Meade, Amanda Warren, Ann Dowd,Michael Gaston, Max Carver, Charlie Carver, Annie Q.

Ogni tanto parlo di serie TV, come ho già detto questo è il nuovo business almeno per ora, e quindi gli sforzi e i soldi sono mirati proprio a questi film diluiti in puntate. E’ interessante notare come il modello britannico ovvero la serie di 10/13 puntate stia prendendo sempre più piede anche in America, dove normalmente ogni serie era di circa 23/24 puntate.

Tornando a Leftovers siamo di fronte a un prodotto quanto meno difficile da definire, volendo usare un solo aggettivo si potrebbe dire mistico, e già questo per me non è un buon segno. Ma andiamo con ordine, dietro Leftovers c’è lo zampino di uno degli autori di Lost e si vede, la prima serie composta da 10 puntate è un continuo balzare di situazione in situazione senza una spiegazione (e ti pareva…)  ma lasciando allo spettatore il compito di ricostruire gli eventi a ritroso, solo nella penultima puntata viene spiegato cosa è successo prima della sparizione e quali effetti ha avuto, per poi avere il classico finale a sorpresa nell’ultima puntata che ci preannuncia una nuova stagione. L’intento degli autori sarebbe quello di scrutare le dinamiche sociali aldilà del fatto in se (la sparizione), questo per chi come me, ama la fantascienza è una doccia fredda che preannuncia puntate amare.

2

Tralasciando i commenti pubblicitari (tra cui viene citato impropriamente King, dato che lui si riferiva al libro), la serie TV è un drammone con elementi sovrannaturali e appunto mistici che riescono (a me almeno) a scatenare una noia intervallata da fastidio, cosi come accadeva in Lost, che ho visto tutto, ma solo dopo che era finito e quindi con la possibilità di vedere tutte le puntate di seguito. Sugli attori preferisco non pronunciarmi più di tanto, diciamo che fanno a gare a chi è il più noioso o/e antipatico, il grande dubbio che mi attanaglia ogni volta che vedo Liv Tyler è: ma se non avesse come cognome Tyler, cosa farebbe oggi come lavoro?

Consiglio da amico: procuratevi le puntate , guardatele tenendo il telecomando vicino per un eventuale avanti veloce e dopo fatemi sapere.

P.s. Sono sicuro che vista l’incasinatura della trama e l’effetto sconclusionato, avrà un successo planetario.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...