Ender’s Game (2013)

1

In un futuro prossimo, una razza aliena ostile attacca la Terra, e solo l’eroismo del Comandante della Flotta Internazionale Mazer Rackham evita la disfatta totale. Nell’attesa di un nuovo attacco, lo stimatissimo Colonnello Graff recluta i migliori ragazzi del pianeta per trovare il prossimo Mazer. Ender Wiggin, un ragazzo timido ma brillantissimo, vieve convinto a lasciare la scuola tradizionale per entrare nella Scuola di Guerra di Graff. Lì Ender apprende facilmente e con grande rapidità le tattiche di guerra, vincendo ogni simulazione, guadagnandosi il rispetto degli altri cadetti, e viene presto promosso da Graff alla Scuola di Comando, dove sarà addestrato dallo stesso Mazer.

  • REGIA: Gavin Hood
  • SCENEGGIATURA: Gavin Hood
  • ATTORI: Asa Butterfield, Harrison Ford, Ben Kingsley,Viola Davis, Moises Arias, Abigail Breslin, Hailee Steinfeld, Jimmy ‘Jax’ Pinchak, Brandon Soo Hoo,Aramis Knight

Qualche tempo fa parlavamo dei film di formazione, per esempio “I cowboys” , oggi i film di questo tipo o non esistono o sono prerogativa della Disney e quindi stucchevoli e vagamente edulcorati. Ma questo Ender’s game potrebbe essere definito di formazione, in quanto abbiamo la figura del ragazzo che scopre se stesso e quindi aspetti del suo carattere anche familiare e una figura pseudo-paterna interpretata da un (sempre più anziano) Harrison Ford. Con queste poche parole si potrebbe presupporre che siamo di fronte a un buon film, ma per me non è proprio cosi. Infatti il senso educativo del film si perde a causa del messaggio che per quasi tutto il film viene comunicato, volendolo sintetizzare:

– devi essere il migliore a tutti i costi

– se accetti gli altri è perché ti servono

– non esiste altro che la vittoria

2

Ora potrebbe sembrare che io abbia sintetizzato troppo il concetto del film, ma è indubbio che il messaggio mandato è questo salvo sul finale, in cui abbiamo un inversione di ruoli e il maestro diventa il bambino e gli adulti invece rimangono chiusi nella loro ottusa visione dell’esistenza. Diciamo che questo salva realmente il film, che altrimenti avrei stroncato, e tutto sommato mi spinge a voler leggere il romanzo da cui è tratto , per riuscire a capire fino in fondo questa storia.La realizzazione del film è impeccabile, tecnicamente e visivamente è davvero stupendo, d’altronde alla regia c’è un signore che ha messo mano ai film degli X-men. Gli attori, vista la giovane età sono bravi anche se poco espressivi ma è concesso, su Ford ormai c’è poco da dire , penso che i tempi d’oro siano passati e risulta sempre più stanco. Buona la recitazione di Ben Kingsley che è sempre piacevole.

Piccola nota, come dicevo il film è tratto dal libro omonimo di O.S.Card (c’è anche un seguito) , chi conosce l’autore sa quanto il suo lavoro sia stato importante nell’ambito dei videogiochi con piccole preziose collaborazioni (Monkey Island). Il film merita di essere visto come ottimo prodotto di fantascienza, un po piatto e poco significativo, ma piacevole per quel che fa vedere.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...