Oscars 2015: Vincitori e Vinti.

oscars-2015-actors-actresses

Miglior film Birdman di Alejandro González Iñárritu     Migliore regia Alejandro G. Iñàrritu per Birdman

Migliore attrice protagonista Julianne Moore in Still Alice    Migliore attore protagonista Eddie Redmayne in La teoria del tutto

Migliore attrice non protagonista Patricia Arquette in Boyhood     Migliore attore non protagonista J.K. Simmons in Whiplash

Miglior film d’animazione Big Hero 6, Don Hall, Chris Williams e Roy Conli     Miglior film straniero Ida di Paweł Pawlikowski (Polonia)

Migliore sceneggiatura originale Alejandro G. Inarritu, Nicolas Giacobone, Alexander Dinelaris, Jr. & Armando Bo per Birdman

Migliore sceneggiatura non originale Graham Moore per The Imitation Game     Miglior fotografia Emmanuel Lubezki per Birdman

Migliori effetti visivi Paul Franklin, Andrew Lockley, Ian Hunter e Scott Fisher per Interstellar

Migliore scenografia Adam Stockhausen (Production Design); Anna Pinnock (Set Decoration) per Grand Budapest Hotel

Miglior montaggio Tom Cross per Whiplash     Miglior make-up Frances Hannon e Mark Coulier per Grand Budapest Hotel

Migliore colonna sonora originale Alexandre Desplat per Grand Budapest Hotel    Migliori effetti sonori Alan Robert Murray e Bub Asman per American Sniper

Miglior montaggio sonoro Craig Mann, Ben Wilkins e Thomas Curley per Whiplash    Migliori costumi Milena Cannonero per Grand Budapest Hotel 

Migliore canzone originale “Glory” da Selma – La strada per la libertà: musica e parole John Stephens e Lonnie Lynn

Migliore documentario CitizenFour di Laura Poitras, Mathilde Bonnefoy e Dirk Wilutzky    Miglior cortometraggio The Phone Call di Mat Kirkby e James Lucas

Miglior cortometraggio animato Feast di Patrick Osborne e Kristina Reed    Miglior corto documentario Crisis Hotline: Veterans Press 1 di Ellen Goosenberg Kent e Dana Perry

1

Tutti ne parlano più che a sufficienza, quindi evito di aggiungere commenti sugli Oscar dato che ci sarà uso e abuso di tutto. Però qualche piccola osservazione la faccio, intanto c’è stata una distribuzione equa dei premi, nessun film ha fatto incetta di statuette ma piuttosto si è mirato a premiare la tecnica (infatti Birdman e Grand Budapest Hotel hanno avuto molti premi tecnici). L’Academy a quanto sembra non ha gradito storie reali o pseudo tali, tanto da orientarsi sulle favole (GBH) o sul meta-cinema (Birdman) , snobbando le stelle e strisce di American Sniper (tutto sommato ovvio…) , il dramma di “La teoria del tutto” o “The imitation Game” e persino l’interessante “Boyhood” salvato solo dal premio alla brava e bellissima Patricia Arquette. Una scelta molto interessante come se, in questo momento si volesse sottolineare una certa visione, forse anche superficiale, di quello che deve essere il cinema.

2

Niente temi impegnati, niente drammi particolari (anche se la malattia vende, lo sanno il bravo Redmayne e la Moore) ma quello che vogliamo è sognare e divertici. Meritati i premi a J.K Simmons e Patricia Arquette (si è capito che ho un debole per lei?) , Interstellar è riuscito a portarsi qualcosa a casa , ma sopratutto il corto animato Feast (presentato prima di Big Hero 6) che è davvero un piccolo capolavoro. Sono felice che Alexandre Desplat abbia avuto il riconoscimento che merita e ovviamente Milena Cannonero che ormai è una veterana degli oscar (vinti).

I vinti balzano agli occhi subito, in particolare American Sniper e Selma come film e Keaton e Carell come attori.

3

Al prossimo anno.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...