Birdman (2014)

1

Birdman racconta di Riggan Thomson (Michael Keaton), attore in declino che dopo un folgorante passato nei panni di un glorioso supereroe, spera di rilanciare la sua carriera dirigendo un nuovo, ambizioso spettacolo a Broadway per dimostrare a tutti che non è solo una ex star di Hollywood. Nei giorni che precedono la sera della prima, Riggan deve fare i conti con un ego irriducibile e gli sforzi per salvare la sua famiglia, la carriera e se stesso.

  • REGIA: Alejandro González Iñárritu
  • SCENEGGIATURA: Alejandro González Iñárritu,Armando Bo, Nicolas Giacobone, Alexander Dinelaris
  • ATTORI: Michael Keaton, Edward Norton, Emma Stone,Naomi Watts, Zach Galifianakis, Amy Ryan, Merritt Wever, Joel Garland, Clark Middleton, Bill Camp, Dusan Dukic, Andrea Riseborough

Nove candidature, quattro premi portati a casa, perlopiù premi tecnici ma anche quello come miglior film.

Quindi un capolavoro?

Non proprio, o meglio è complicato sintetizzare ma ci provo, d’altronde non sono mai stato prolisso ho sempre preferito lasciare che le idee venissero fuori dalla testa di chi legge, piuttosto che piazzare le mie nella testa degli altri. Ci sarà qualche spoiler ma dato il tipo di film, lo spoiler in se non rovina il finale, è un film che viene vissuto quindi non c’è un finale vero e proprio anche li viene lasciato allo spettatore di immaginarsi il finale. Da qualche anno l’academy ha deciso di premiare il cinema che parla di se (metacinema) insomma una strada molto artistica piuttosto che quella politica o sociale di altre annate, Birdman non poteva che vincere seguendo questa strada. L’attore Thomson/Keaton iper pagato, che riempie i cinema mettendosi la maschera di un giustiziere per un pubblico decerebrato (questo è quello che viene detto quando Birdman reclama il suo ruolo…) decide di chiudere quella parte della sua vita e fare l’Attore. Finisce praticamente in un baratro fatto di alcol , sogni ad occhi aperti, voci nella testa e rabbia incontrollata, distrugge un matrimonio, non riesce ad essere un buon padre e vive come un senzatetto.

_AF_6405.CR2

E mentre prepara uno spettacolo teatrale che forse potrebbe dargli qualche possibilità di risalire, tutto quello che è stato torna indietro perseguitandolo e l’ironia più grande è proprio sul finale in cui, finalmente si dona all’arte (o meglio dona la sua vita) sbagliando ancora una volta. Insomma non può che spiccare il volo di Birdman e accettare di esserlo/non esserlo e da li ricominciare (o finire in base a come vedrete il finale).

In mezzo a questo viaggio interiore , viene accompagnato da strani figuri, l’attore alcolizzato interpretato da Norton (bastardamente bravo), la figlia quasi eterea e spettrale interpretata da Emma Stone (brava ma non da Oscar) e tanti altri commedianti che calcano la sua teatrale esistenza. Insomma tanta roba non proprio nuova, ben interpretata e che sa dosare il dramma e la commedia, Keaton è bravo (è sempre stato bravo) e regge bene la parte , la regia (e la sceneggiatura) di Iñárritu sono ben costruite e l’idea dei lunghi piani sequenza aiuta a mantenere il film unito oltre che a creare quella spazialità “teatrale” che permette allo spettatore di immergersi totalmente nella storia.

Detto ciò il film è da Oscar ma è destinato a un gruppo ristretto di persone non certo al grande pubblico che alla fine troverebbe noiosa la storia e incomprensibile (o stupido) il finale.

Personalmente, applicando un filtro a maglie larghe è dal 2011 che non vedo un Oscar meritato in questa categorie e se applicassi un filtro a maglie strette dovrei tornare al 1996, ma sono gusti mi sento di consigliarlo sopratutto agli amanti del cinema, come d’altronde è indirizzato sia lui che Grand Budapest Hotel. Buona visione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...