Black Sea (2015)

1

Il capitano di sommergibili Robinson, con un divorzio alle spalle e un figlio adolescente con cui non ha quasi alcun rapporto, viene licenziato dalla sua società di recupero relitti. Robinson decide di riscattarsi con un’impresa straordinaria: recuperare l’immenso carico d’oro contenuto in un sommergibile tedesco che giace sul fondo del Mar Nero dal 1941. A bordo di un sottomarino di fortuna e a capo di un equipaggio poco addestrato, il capitano parte per un’avventura che si rivelerà ancora più pericolosa del previsto.

  • REGIA: Kevin Macdonald
  • SCENEGGIATURA: Dennis Lee Kelly
  • ATTORI: Jude Law, Scoot McNairy, Jodie Whittaker,Konstantin Khabenskiy, June Smith, Karl Davies, Daniel Ryan

L’avventura sul mare o sotto il mare è uno dei filoni storici della cinematografia, quelle sotto i mari sono diventate un sotto filone dopo i vari adattamenti di “20.000 leghe sotto i mari” (tra cui uno famoso della Disney) , da allora l’idea del sottomarino ha avuto vari eroi e antieroi creando una tensione assoluta grazie al tipo di ambientazione: claustrofobica e senza vie di fuga. Questo “trucco” è stato molto usato anche nella fantascienza in memorabili film (Alien fra tutti…) , e tutt’ora è una fonte inesauribile per nuove storie. In questo “Black Sea” si parte proprio da questo, ovvero il dramma sottomarino, ma con una buona cornice di attualità, i protagonisti sono stati licenziati a causa della crisi, quello che li spinge è la voglia di arricchirsi.

2

Il capitano cerca di riconquistare la sua famiglia e ha un unico obiettivo recuperare l’oro nazista, ma durante il film come sempre si scatenano una serie di eventi che renderanno difficile questo recupero. Il film si presenta come un buon progetto almeno sulla carta, che però nella trasposizione filmica ha grossi limiti ma sopratutto spesso si ha una sensazione di “già visto” che riporta in mente tanti altri film, questo non rende questo prodotto scadente ma sicuramente non certo innovativo o punto di riferimento,

è un onesto film d’azione con molti limiti sopratutto a livello di cast e personaggi, spesso precipita negli stereotipi o nelle banalità di genere ma si lascia guardare fino alla fine, lascio a voi la scelta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...