Independence Day: Rigenerazione (Independence Day: Resurgence – 2016)

1

Dopo l’attacco sferrato dagli alieni nel 1996, l’umanità ha sempre saputo che sarebbero tornati. Grazie all’utilizzo di tecnologia aliena, le nazioni della terra si sono unite nel creare un programma di protezione globale, ma nulla ci potrà preparare ad un attacco alieno senza precedenti. Solo la genialità di un piccolo gruppo di uomini e donne salverà il mondo dell’estinzione.

  • REGIA: Roland Emmerich
  • ATTORI: Liam Hemsworth, Jessie Usher,William Fichtner, Maika Monroe, Joey King,Jeff Goldblum, Sela Ward, Bill Pullman,Charlotte Gainsbourg, Vivica A. Fox, Brent Spiner, Judd Hirsch, Gbenga Akinnagbe

Il primo capitolo di Independence Day aveva riportato gli alieni al cinema in una forma molto classica, ovvero riprendeva la lotta umani contro alieni che era tanto cara alla fantascienza del dopo guerra.

Da questa similitudine non poteva che nascere un film dai temi epici e con personaggi eroici ma anche ironici e ovviamente i valori saldi della famiglia e l’amore, insomma quel minestrone di ingredienti comunemente condivisibile che saputo ben miscelare crea un prodotto di successo come è appunto avvenuto. In questa epoca di minestre riscaldate o riproposte si è voluto di nuovo tentare il colpaccio ma purtroppo i tempi sono cambiati e tanto; il risultato si vede anche nei prodotti che si sfornano, in questo Independence Day: Rigenerazione manca totalmente la parte epica anzi il discorso dell’ex presidente è decisamente strano non si capisce se sia ridicolo in se e per se, oppure se lo sceneggiatore e il regista l’hanno voluto rendere tale, persino il destino toccato all’ex presidente è qualcosa che passa sottotono durante la narrazione.

DF-08685r - Bill Pullman reprises his “Independence Day” role of Thomas Whitmore. Photo Credit: Claudette Barius.

Una presa di posizione con un messaggio preciso del tipo : pensavo quelle cose vent’anni fa ma oggi non è più cosi, oppure semplicemente un film scritto male (tra l’altro perché Emmerich non ha messo mano alla sceneggiatura?) ?

Non ho modo di saperlo, ma vedo solo il risultato finale e ne sono abbastanza dispiaciuto, anche perché questo cinema assomiglia sempre di più ai Monster-movie giapponesi degli anni 70, che in quel contesto e in quel periodo avevano un senso, ma oggi?

Davvero siamo ridotti a essere bambinoni che misurano la bontà del film in base ai metri di altezza del mostro?

E intendiamoci a  me il nuovo Godzilla è piaciuto tanto, ma è un icona non uno standard.

Ultima nota, forte la presenza cinese nel film (attori non produzione) il motivo è legato alla vendibilità del film sul mercato cinese che è molto vasto e non ad altre idee più “nobili” , e con questa ultima triste verità, vi auguro buona (si fa per dire) visione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...