Kung Fu Panda 1 – 2 – 3 (2008 – 2011 – 2016)

1

Po è un Panda che lavora come cameriere in un ristorante cinese. Nonostante la sua grande passione per il Kung fu, dal punto di vista fisico Po non è esattamente adatto all’arte del combattimento marziale. E questo è un problema, dal momento che un’antica profezia indica proprio lui come il “Prescelto” che dovrà affrontare e sconfiggere dei terribili nemici pronti a misurarsi con lui. A quel punto, un gruppo di maestri di arti marziali entreranno in azione e cercheranno di trasformare il panda ciccione e scansafatiche in un temibile Maestro Shaolin.

  • REGIA: Mark Osborne, John Stevenson

Il panda Po ha ormai realizzato il suo sogno di diventare un Guerriero Dragone e vive proteggendo la Valle della Pace con suoi amici e colleghi maestri di kung fu, The Furious Five – Tigre, Gru, Mantide, Vipera e Scimmia. Ma la tranquillità della Valle è di nuovo minacciata dalla comparsa di un terribile nemico che progetta di conquistare la Cina e distruggere il kung fu grazie a una temibile e inarrestabile arma segreta. Spetterà a Po e ai suoi compagni intraprendere un viaggio attraverso la Cina per affrontare e sconfiggere questa terribile minaccia.

  • REGIA: Jennifer Yuh

Dopo essersi ricongiunto con il papà Li, che non vedeva da lungo tempo, Po raggiunge con lui il suo villaggio d’origine: un paradiso segreto dei panda in cui incontra una serie di esilaranti nuovi personaggi. La minaccia tuttavia è dietro l’angolo, quando il potente spirito maligno Kai inizia a terrorizzare l’intera Cina sconfiggendo tutti i maestri di kung fu, ci vorrà tutta l’abilità e l’audacia di Po per insegnare ai suoi maldestri e festaioli compagni panda l’arte del kung fu, e trasformarli così in una vera e propria squadra da combattimento.

  • REGIA: Alessandro Carloni, Jennifer Yuh

2

La serie Kung Fu Panda è arrivata al terzo capitolo e bisogna dire che finora è una di quelle serie che riesce a coinvolgere sia i bambini che gli adulti sapendo miscelare adeguatamente la storia e le sue varie chiavi di lettura. Tutto questo non è poco considerando che buona parte delle serie dopo il secondo capitolo precipitano nelle produzioni di marketing assoluto e quindi si ragiona solo in termini economici e non di qualità.

Ma , come dicevo, fortunamente Kung Fu Panda invece tuttora mantiene un livello abbastanza alto. Il primo capitolo fondamentalmente è una storia di riscoperta di se stessi e di lotta per dimostrare quanto si vale e se questo è un tema vecchio come il mondo sapendolo raccontare bene si possono raggiungere ottimi risultati, se poi ci aggiungiamo una colonna sonora d’atmosfera e un animazione che non si limita a essere quella che è oggi “l’animazione” ma che miscela i vari stili grafici.

Nel secondo capitolo tutto questo è stato ulteriormente incentivato pur continuando con la trama principale e quindi il protagonista Po scopre il suo passato, il comparto visivo si arricchisce ulteriormente lasciando stupefatto l’adulto più del bambino, una specie di viaggio nell’antica Cina ricostruita, ricca di dettagli e di un cromatismo incredibile, che solo il cinema o l’alta risoluzione riescono a far risaltare.

Ma solo con il terzo capitolo ci si ritrova di fronte a un quadro animato, animazione classica computerizzata, animazione stile manga e animazione tipo stampa orientale, tutto questo si miscela insieme con una buona trama e qualche situazione veramente divertente. E non si ferma li, i riferimenti classici al cinema orientale d’arti marziali e non solo (Dragon Ball è abbondantemente citato…) riesce davvero a coinvolgere un pubblico più adulto e smaliziato, che oltre a perdersi nei dettagli e nelle bellissime animazioni si ritrova coinvolto in una storia multi generazionale.

3

Perché le altre produzioni non riescono a far tanto?

E mi riferisco per esempio a L’Era Glaciale di cui ho parlato poco tempo fa, come mai non c’è la stessa cura?

Forse questione di budget (tenente conto che la produzione di Kung Fu Panda 3 è in parte cinese…) o forse è una questione di rispetto del consumatore in questo caso spettatore, che manca.

O forse è il target a cui si punta, L’Era Glaciale vende anche se fatto male perché ai bambini comunque va bene cosi, invece Kung Fu Panda 3 , salvo il balletto finale è davvero un prodotto cinematografico ben confezionato pensato per tutti e con grande qualità.

Questo grande cambiamento che stiamo vivendo, in cui i pesi economici e quindi tutto quello che deriva si sta spostando sempre di più a oriente, in un certo senso ci disorienta sopratutto alla mia generazione, nata con il mito americano, però posso dire che il prodotto finale di questo mix, in questo piccolissimo esempio è davvero meritevole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...