IT (2017)

  • REGIA: Andres Muschietti

  • ATTORI: Bill Skarsgård, Finn Wolfhard, Jaeden Lieberher, Nicholas Hamilton, Owen Teague, Sophia Lillis, Megan Charpentier, Steven Williams, Wyatt Oleff, Jeremy Ray Taylor, Jack Grazer

Adattamento dell’omonimo romanzo di Stephen King, IT si incentra sulla prima parte del racconto, ambientata negli anni 80. Il palloncino rosso che galleggia a mezz’aria è il biglietto da visita di una misteriosa entità demoniaca che tormenta i ragazzini di Derry, attirandoli in una trappola mortale senza vie di scampo. Nell’immaginaria cittadina del Maine dove la gente scompare senza motivo, l’ennesima vittima è un bambino di sette anni di nome George, risucchiato in un tombino durante un temporale. Un gruppo di ragazzini perseguitati dai bulli per diverse ragioni, si riunisce sotto la denominazione di Club dei Perdenti per indagare sul mistero della morte di George e degli altri ragazzi scomparsi. Leader dei Perdenti è il giovane Bill Denbrough (Jaeden Lieberher), fratello maggiore dell’ultima vittima, attanagliato dai sensi di colpa per non aver impedito il brutale assassinio. Al suo fianco, bersagli naturali dei prepotenti per indole, aspetto o condizioni economiche, ci sono il grassoccio Ben (Jeremy Ray Taylor), l’impulsivo Richie (Finn Wolfhard), il pragamatico Stan (Wyatt Oleff), l’appassionato di storia Mike (Chosen Jacobs), l’ipocondriaco Eddie (Jack Dylan Grazer) e l’unica ragazza della banda Beverly (Sophia Lillis). Quando la ricerca li conduce a un clown sadico e maligno chiamato Pennywise (Bill Skarsgård), ciascuno dei coraggiosi componenti del neonato Club si rende conto di averlo già incontrato prima.

 

Ieri notte, in esclusiva, ho assistito alla proiezione di due film tratti dai romanzi di Stephen King. Il primo “Carrie” bellissimo come sempre, un film che travalica l’idea di horror per diventare qualcosa di più profondo e psicologico, dove l’horror non è altro che un pretesto per raccontare altro.

E dopo, la nuova trasposizione di “IT” , film da molti mesi discusso, nel bene e nel male, è un film che riempirà i cinema, a giudicare dalla presenza di pubblico di ieri notte.

IT è ambientato alla fine degli anni 80, gli omaggi a quel periodo sono tanti e tutti molto belli, dai film che passano al cinema di Derry (Nightmare, Batman, Arma Letale 2) alla musica (New kids on the block) ai poster (Gremlins) già questo particolare ci permette di immergerci pienamente nell’atmosfera di questa piccola cittadina del Maine, una cittadina che sembra assopita, i cui peccati sono nascosti e gli adulti preferiscono non vederli. Grazie a questo torpore morale, da secoli una creatura chiamata Pennywise il clown danzante, ha la possibilità di appagare la sua fame di carne e paura a ogni suo risveglio (27 anni circa, ricordate che il film è ambientato nel 1988).

In mezzo a tutto questo, ci sono le vicende personali di un gruppo di ragazzini, emarginati, problematici e in alcuni casi con situazioni familiari disperate (Beverly), che riescono a trovare nella loro solitudine un punto in comune e un avversario in comune, ovvero IT.

 

 

Ora in molti si staranno chiedendo come mai mi limito alla trama, quando ci saranno un sacco di recensioni che faranno differenze tra film e romanzo, tra film e film e cosi via, ebbene il senso di questo articolo in realtà è quello di raccontare le emozioni suscitate in me, durante la proiezione non mi fermerò a quello ma principalmente voglio raccontare un esperienza piuttosto che una critica cinematografica.

Ma torniamo al film, credo che la scena che tutti aspettavamo era quella del tombino, Georgie e la sua barchetta incontrano IT e qui già c’è la prima grande differenza dal primo IT, non si nasconde nulla ne l’orrore ne l’indifferenza degli adulti di Derry, ed è un crescendo dove si crea questo muro contro muro tra adulti e ragazzi. Questi adulti marci dentro che si nascondono e nascondono la realtà dei fatti, che non la vedono o fanno finta di non vederla. Il film risulta essere molto più snello rispetto al suo predecessore, niente dialoghi inutili o lungaggini sui personaggi, vengono sapientemente introdotti e delineati ma non si ricostruisce pezzo per pezzo il loro passato. Stessa cosa vale per Pennywise, dalla trama si capisce il suo passato ma non c’è un soffermarsi troppo su cosa l’ha portato a Derry, c’è invece la sua presenza costante in città.

E qui sapientemente hanno usato gli effetti speciali, dalla scena del proiettore a quella della casa, passando alle corse frenetiche urlanti (World war Z tanto per citarne uno), IT non vuole essere gigionesco e spaventoso come il clown interpretato da Tim Curry, ma bensì è astratto e poco interattivo salvo che per nutrirsi, non ama dialogare più di tanto, fondamentale differenza con il precedente film. IT non strappa la risata facile, con qualche battutina fuori luogo, lui è feroce ed è un predatore, ha fame e cerca paura.

Altra cosa rilevante rispetto al precedente film è la sessualità, è vero che il primo IT era un prodotto televisivo, ma era anche, estremamente edulcorato questo invece mette in mostra la sessualità malata degli adulti, ma anche i primi fermenti degli adolescenti (il bagno nel lago dei ragazzi con Beverly) , insomma ancora una volta un prodotto più maturo e interessante, più sfaccettato e reale, più fedele al romanzo.

Ovviamente la scena orgiastica non è presente, non sarebbe stata realizzabile, e tutto sommato inutile al fine ultimo della trama, il senso di amicizia e di qualcosa di più è sicuramente presente e si percepisce.

Andiamo al punto di vista tecnico; si sente un po la mancanza della vecchia scuola ma d’altronde gli effetti speciali sono perfetti, assolutamente non invadenti e perfettamente amalgamati con la storia, riferimenti tantissimi, oltre il già citato WWZ, anche la Mummia, buona parte degli horror orientali e ovviamente il primo IT che compare come potete vedere dalla foto, come omaggio ai fan. Altra nota, la musica del film riprende le sonorità del primo IT, la cui musica era pienamente azzeccata.

 

Concludo dicendo che, per una volta, ho visto una seconda edizione di un classico della letteratura, trasposta davvero con estrema cura.

Un bel prodotto, piacevole, interessante e che fa sperare per il prossimo capitolo, insomma finalmente del buon cinema di genere.

 

 

Annunci

Il luogo delle ombre (Odd Thomas – 2014)

1

Il film racconta di un mondo fantastico, sovrannaturale, animato da esseri e anime che cercano, costantemente, di interagire con il mondo vivente. Protagonista del fantasy è Odd Thomas, un giovane cuoco di una tavola calda in una piccola città nel deserto americano prescelto dagli esseri ultraterreni quale intermediario tra i due universi. Odd, che è perdutamente innamorato della bella Stormy Llewellyn, cerca in tutti i modi di aiutare le anime senza pace che si mettono in contatto con lui, che vogliono giustizia e che, a volte, aiutano a risolvere casi e crimini di ogni tipo. Tutto scorre sereno, fino all’arrivo nella cittadina di Pico Mundo di un uomo misterioso circondato da un gruppo di ombre simili a iene che lo seguono ovunque vada. Neppure i fidi informatori di Odd sono in grado di capire chi sia. L’unico indizio è una pagina strappata da un calendario giornaliero, quella del 15 agosto…esattamente 24 ore dopo al tempo in cui si svolge la vicenda…

  • REGIA: Stephen Sommers
  • ATTORI: Anton Yelchin, Willem Dafoe, Addison Timlin, Nico Tortorella, Melissa Ordway, Patton Oswalt, Gugu Mbatha-Raw, Ashley Sommers, Leonor Varela, Shuler Hensley

Da un romanzo di Dean R. Koontz un film che promette tanto ma mantiene poco. L’idea non sarebbe male seppur più volte usata, ma purtroppo tutto si perde dietro a dei dettagli che distruggono una trama potenzialmente interessante. I dettagli di cui parlo sono la scarsezza degli effetti speciali di bassa qualità e poco definiti. A questo aggiungiamo una trama che è scollacciata e poco omogenea, dove non ci sono approfondimenti o particolari attenzioni ai protagonisti principali, tutto scorre via e e si perde interesse agli avvenimenti. E poi c’è il finale che è sinceramente debole e che ha una certa comunanza con un famosissimo film di qualche anno fa.

2

Il film l’ho visto per caso su Sky, credo che in realtà oggi sia stato in parte rivalutato non tanto per il film in se o perché arriva da un romanzo di Dean R. Koontz, che purtroppo non ho letto, ma solo perché il protagonista Anton Yelchin è tristemente morto prima del tempo a causa di un assurdo incidente. Alla regia Stephen Sommers che si è fatto le ossa sempre con film di genere fantastico ma di sicuro non di alto livello e nemmeno questa volta ha disatteso le aspettative, ora il punto è : il romanzo sarà meglio? Sicuramente si , come sempre, però il dubbio rimane e quindi non so se la colpa sia tutta del film o anche del romanzo, magari qualcuno di voi potrà dirmi qualcosa in merito.

Ma tornando al film da dimenticare presto.