Fukushima – A nuclear story (2016)

1

Regia: Matteo Gagliardi

Attori: Massimo Dapporto, Pio d’Emilia.

Giappone 2011 dopo le prime avvisaglie di un problema grave occorso alla centrale nucleare di Fukushima, a seguito del terremoto e del susseguente tsunami, Pio D’Emilia cerca di raggiungere la città ma trova ogni strada bloccata. Il suo racconto e le sue testimonianze dirette rivivono insieme alla ricostruzione di quanto avvenuto in quei giorni e soprattutto di quanto è stato occultato dalla TEPCO, società proprietaria della centrale.
Tra tweet, post e remotizzazione del lavoro, il mestiere dell’inviato pare quasi un rituale antico, il relitto di un tempo andato. Come se per raccontare la notizia non fosse più essere necessario stare dentro la notizia. L’esempio di Pio D’Emilia ci dimostra l’esatto opposto, con la sua presenza fisica di testimone oculare in ogni avvenimento cruciale capace di tenere con il fiato sospeso il mondo, sul tema aveva già pubblicato il libro Tsunami nucleare – racchiude in tre dolorosi atti avvenimento, occultamento della verità e ricostruzione storica di come si sia arrivati a questo. Disegni in stile anime nipponico e grafiche digitali aiutano a comprendere ciò che non si può vedere e quel che è avvenuto alle vittime di Fukushima: un dramma superato solo dalle immagini della zona “proibita” in quanto radioattiva, in cui D’Emilia ci conduce come un novello Virgilio tra carcasse di animali, tra maiali e cavalli che scorrazzano per le strade, tra malati terminali che non possono muoversi da lì, tra macerie e abbandono.
Infine l’ultimo atto, forse il più doloroso in assoluto. Quello che ci fa riflettere sulle colpe dei padri, ripercorrendo le responsabilità degli Stati Uniti nell’incentivare, durante la guerra fredda, il ritorno al nucleare del Paese che proprio loro avevano colpito con l’uranio a Hiroshima e Nagasaki, e che ci insegna come la salvezza di Tokyo e di milioni di vite umane si debba, oltre che al sacrificio di alcuni eroici individui, a un imprevisto, a un banale malfunzionamento tecnico.

Gli italiani riservano sempre sorprese, quando guardandoti intorno vedi un paese allo sfascio e gente sempre più degradata, scopri poi che un giornalista in trasferta da decenni in Giappone (e non solo dato che si occupa di giornalismo di frontiera, in quasi tutta l’Asia) scrive un diario da straniero residente in Giappone, sui fatti di Fukushima, lui spaventato dai terremoti, sempre con il suo mezzo toscano in bocca. Gira e segue tutte le vicende che hanno portato sull’ orlo dell’estinzione il Giappone e danneggiato in modo irreversibile la natura mondiale (si è cosi, ma semplicemente la notizia è passata di moda).

2

Dal terremoto fino al collasso dei reattori, alla dispersione delle acque di raffreddamento radioattive, al blocco della zona, le morti di tutti gli allevamenti e delle persone direttamente e indirettamente coinvolte. L’inquinamento di tutto l’oceano pacifico e i danni mondiali al mercato ittico. Viene affrontato tutto e ripreso tutto, senza giudizi o commenti ma con l’occhio attento di chi si ritrova di fronte a una valanga e l’unica cosa che può fare è osservare e sperare in qualche modo che ci sia una soluzione per salvarsi la vita. In tutto questo il raffronto con noi come popolo e con i giapponesi, su come come viene affrontata e vissuta una catastrofe è evidente, il contegno anche di fronte alla perdita dei propri beni e dei propri cari è impensabile e incredibile.

Il rapporto cosi stretto con i propri animali da compagnia (stessa cerimonia funebre per umani e animali) , cosi come l’impatto ambientale e la solidarietà che si crea tra le persone per creare un mercato comune di alimenti non contaminati per i bambini, dà a questo documentario un qualcosa di unico, doloroso e irripetibile. Ricorda l’impatto emotivo di Bowling a Columbine, e forse è anche maggiore perché è un dramma mondiale e non solo giapponese.

Meritoria l’opera di Sky Cinema per averlo distribuito, purtroppo in Italia ancora non c’è una diffusione in dvd o blu ray, speriamo che questa lacuna venga colmata. Da vedere, diffondere, fare conoscere, non è noioso anzi tutt’altro, non si può che rimanere affascinati.

 

Advertisements

2 thoughts on “Fukushima – A nuclear story (2016)

    • Grazie per questo documentario.Ormai la divulgazione scientifica e sociale è quasi del tutto assente nelle tv italiane e questi documentari e la loro diffusione è essenziale per potersi fare un opinione personale su quello che accade intorno a noi. Anzi se puoi fornire a me e ai lettori qualche informazione sulla distribuzione per il mercato dell’home video, penso che ne saremmo tutti interessati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...